RASSEGNA STAMPA

"La scuola non è un seggio elettorale", la campagna social contro il voto nelle aule

L'organizzazione WeWorld e le blogger di Mammadimerda chiedono di sensibilizzare politici e istituzioni sulla necessità di un'istruzione che metta al centro bambini e famiglie

 


Riaperture a metà settembre, con orari ridotti, dopo due anni e mezzo di scuola a singhiozzo e ora lo scoglio di una nuova chiusura. Perché la maggior parte dei seggi elettorali per il voto del 25 settembre dove sono? Nelle scuole.

"L'estate è diventata un incubo". "Noi siamo entrambi medici dipendenti e abbiamo due bambini piccoli.Siamo costretti a fare le ferie separati". "L'estate italiana è un buco nero che si cerca di riempire con campus centri estivi, ferie, vacanze, nonni e purtroppo uno stipendio non basta". "Un disastro, ho un figlio solo e ho speso quasi tutto lo stipendio in centri estivi. Anche di più se non mi avesse salvata lo smartworking. Inoltre, i bambini in questo tempo fanno tabula rasa di tutto, il mio passa i mesi da ottobre a gennaio a fare solo il ripasso dell'anno precedente". Queste sono solo alcune delle migliaia di testimonianze arrivate a Weworld, organizzazione che da 50 anni difende i diritti di donne, bambini e bambine in Italia e in 25 paesi nel mondo, che raccontano come le famiglie italiane sopravvivono all'attuale calendario scolastico.

Per questo WeWorld e le blogger di Mammadimerda, hanno stretto un'alleanza social per lanciare una campagna che sensibilizzi politici e istituzioni per mettere al centro della scuola le esigenze di bambine e bambini e delle loro famiglie.  Hashtag #scuolanoseggio.

Leggi l'articolo completo : La scuola non è un seggio

 

 

 

 

 

I genitori sono invitati a scattarsi una foto con l’immagine della campagna, per poi ripostarla sui loro profili social taggando @weworldonlus e @mammadimerda con l’hashtag #scuolaNOseggio

“L’estate è diventata un incubo”. “Noi siamo entrambi medici dipendenti e abbiamo due bambini piccoli. Siamo costretti a fare le ferie separati”. “L’estate italiana è un buco nero che si cerca di riempire con campus centri estivi, ferie, vacanze, nonni e purtroppo uno stipendio non basta”. “Un disastro, ho un figlio solo e ho speso quasi tutto lo stipendio in centri estivi. Anche di più se non mi avesse salvata lo smartworking. Inoltre, i bambini in questo tempo fanno tabula rasa di tutto, il mio passa i mesi da ottobre a gennaio a fare solo il ripasso dell’anno precedente”. Sono solo alcune delle testimonianze arrivate a WeWorld, organizzazione che da 50 anni difende i diritti di donne, bambini e bambine in Italia e in 25 Paesi nel Mondo, che raccontano come le famiglie italiane affrontano l’attuale calendario scolastico. Insieme alle blogger di Mammadimerda, in occasione della riapertura delle scuole Francesca Fiore e Sarah Malnerich che nasce per ribaltare gli stereotipi sulla maternità, lanciano la campagna social “La scuola non è solo un seggio elettorale!”, in vista delle elezioni del 25 settembre. I genitori (ma non solo) sono invitati a scattarsi una foto con l’immagine della campagna, per poi ripostarla sui loro profili social taggando @weworldonlus e @mammadimerda con l’hashtag #scuolaNOseggio. L’iniziativa punta a sensibilizzare leader politici e Istituzioni sulla necessità di mettere al centro i milioni di ragazze e ragazzi che ogni giorno siedono in quegli edifici, già problematici, che il 25 settembre ospiteranno le cabine di voto.

 

Leggi l'articolo completo sul Fatto Quotidiano

 

giovani gen

 

itori

 Tre mesi di vacanze estive, dopo due anni e mezzo di scuola a singhiozzo per la pandemia. Sembrava che finalmente fosse tutto finito e si potesse ripartire. Invece no. Il 25 settembre si vota e dove, se non a scuola? Da anni si parla di trovare un’alternativa per i seggi , ma non se n’è mai fatto niente. Per WeWorld e Mammadimerda: «La scuola non è solo un seggio elettorale» e lanciano la campagna social #scuolaNOseggio per sensibilizzare le istituzioni e i politici perché rimettano la scuola al centro della loro agenda.

Sarah Malnerich, che con Francesca Fiore ha creato il blog Mammadimerda, nato come satira contro gli stereotipi sulla maternità e via via sempre più impegnato su tematiche sociali riguardanti donne e bambini, spiega: «Abbiamo cominciato a occuparci del calendario scolastico quando le scuole hanno iniziato a riaprire, dopo il Covid. Ci siamo chieste: i nostri figli hanno perso tanto, in termini soprattutto di relazioni, e ora devono interrompere tutto da capo? Hanno iniziato a scriverci tanti genitori esasperati; per le famiglie i 3 mesi estivi sono un incubo che esaspera anche le differenze sociali: chi può, paga settimane e settimane di campi estivi, chi non può lascia i figli in mezzo alla strada».

Leggi l'articolo completo su IoDonna

giovani genitori

 

L’appuntamento è su Zoom
alle 10.30. Francesca Fiore è «casualmente puntuale», Sarah Malnerich arriva trafelata alle 10.45: «Scusate, non avevo capito fosse in video, ero in pigiama, sono andata a darmi una sistemata». Risate.
Parte così la chiacchierata con le fondatrici di Mammadimerda, ironico blog nato nel 2016 da una loro idea, che oggi conta oltre 136mila follower su Instagram, e che la scrittrice Michela Murgia ha de
finito «una delle mie pagine femministe preferite». Non contente di diffondere «inadeguatezza da ogni poro del web», Francesca e Sarah hanno ora deciso di farlo anche in un libro: Non farcela come stile di vita.
LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO : scarica il pdf

Le blogger Francesca Fiore e Sarah Malnerich presentano il loro ’Non farcela come stile di vita’

di Benedetta Cucci

Il ’non farcela’ come stile di vita è diventato il loro biglietto da visita. Tutto il contrario di un pensiero corrente che in particolare molte donne cercano di introiettare ripetendosi: "Sono una roccia, sì, sono una roccia". Francesca Fiore e Sarah Malnerich non ci hanno mai tenuto a sentirsi fortissime, ad avere tutto sotto controllo. E per raccontare le loro avventure di vita quotidiana, hanno appunto scelto il moniker ’Mammadimerda’ e creato il famoso blog, ammettendo una grande inadeguatezza, soprattutto nei confronti dell’essere madre. "Se l’iconografia di Mammabene ti sta stretta e pensi che ci sia bisogno di un modo diverso di raccontare la maternità, stai qui": ecco il messaggio di benvenuto alle porte della loro dimora online, dove hanno elaborato il loro progetto di riscatto della donna imperfetta o inadeguata, la rivincita sulla Mammabene, "su quel tipo di narrazione che ci ha lese per troppo tempo". Ora le ’cattivissime’ mamme di Val di Lanzo, che nel 2016 decisero di raccontare la maternità da un nuovo e dissacrante punto di vista, hanno scritto un libro: ’Non farcela come stile di vita - Una guida per diversamente performanti ’, senza tropo girarci attorno, ancora una volta, che presenteranno domani alle 18 alla Feltrinelli di piazza Ravegnana. Nel blog (seguito, grazie al clamoroso successo, dai profili instagram e facebook e dall’e-commerce) gli articoli vengono divisi in sei categorie con titoli che non lasciano scampo: Merdismo, Scuolismo, Nonnismo, Vacanze Forzate, Giovedì Gnocca e Corpopositività. Brevi pensieri, veloci aforismi, articoli, foto vintage con dialoghi posticci assolutamente fuori contesto rispetto all’immaginario, le Mammedimerda hanno ampiamente coinvolto mamme e donne italiane, arrivando a creare una community dalla singolare empatia.

 

 

"Mammedimerda", dal blog alla carta stampata. "Predichiamo il diritto a seguire modelli di insuccesso"

 

 

 

Eccole, le donne. Madri perfette, mogli felici, professioniste in carriera. E avanti così, ogni volta con un nuovo stereotipo a cui dover assomigliare. Maternità, empowerment, dover essere e dover arrivare, e poi? E poi ci sono le donne vere, quelle che a un certo punto mandano i figli dalla nonna per uscire con le amiche, si siedono sul divano con la voglia di fare niente, scendono dai tacchi e posano il telefonino. E al diavolo il multitasking. "Questo libro racconta alle donne, ma non solo, che non si deve sempre tirare dritto" spiegano Francesca Fiore e Sarah Malnerich, fondatrici del blog Mamma di merda, ora in libreria con "Non farcela come stile di vita", edito da Feltrinelli.

Leggi l'articolo completo : Mammadimerda, dal blog alla carta stampata

 

 

MammadiMerda, il miraggio della conciliazione: evviva la nostra inadeguatezza

DI ELISABETTA AMBROSI

 

La Storia la scrivono i vincitori. O, nella versione migliore, le vincitrici, quelle raccontate in tanti libri sulle donne che ce l’hanno fatta. Ma chi dà voce a tutte le altre donne, la maggioranza, che invece hanno fallito, quasi sempre perché schiacciate dalla fatica e da troppe incombenze? Francesca Fiore e Sarah Malnerich, note curatrici del blog ironico MammadiMerda, hanno deciso da tempo di rappresentare questa moltitudine affranta. E oggi proseguono questa missione scrivendo Non farcela come stile di vita. Una guida per diversamente performanti (Feltrinelli). Sempre con gli stessi obiettivi: diffondere inadeguatezza e lenire sensi di colpa. Partendo dalle proprie storie, che non sono, rivelano, storie di glorioso “empowerment”, ma biografie segnate da licenziamenti, separazioni e nessun avanzamento di carriera. 


 LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO : Mammadimerda, il miraggio della conciliazione: evviva la nostra inadeguatezza

 

 

Piccole strategie per liberarsi del «lavoretto»

L'8 maggio arriva, implacabile, la Festa della Mamma. Le autrici di Non farcela come stile di vita (Feltrinelli) nonché blogger di Mammadimerda spiegano come superarla

 

Festa della mamma. Ci risiamo. Il primo ostacolo che ti trovi ad affrontare è la definizione della data. Quando cade? In una giornata fissa, come il Natale? O è instabile e ballerina come la Pasqua e il Carnevale? E perché nel cervello ti lampeggia un alert sull’8 maggio? Per fortuna esiste Google. E il marketing delle aziende, che cominciano a promuovere l’evento per ricordarlo a tutte noi. Purtroppo lo ricordano anche alle maestre dei tuoi figli, che impiegano quello stesso tempo su Pinterest, cercando un manufatto da replicare e recapitare a domicilio. I segnali dell’allestimento della «sorpresa» sono inequivocabili: improvvisamente spariranno i rotolini di carta igienica dal bagno, quegli stessi che nessuno oltre te si ricorda mai di destinare alla raccolta differenziata. Prima di gioire quando si verificano miracoli di questa portata, ti fermi e ragioni: quanti giorni mancano alla prossima festività? Coltivi il dubbio, eppure ancora speri che siano le tue strategie educative ad aver dato dei frutti. Ma quando troverai uova orfane di involucro nel frigo, bottiglie prive del tappo e sul diario campeggerà l’avviso sinistro «si prega di portare porporina argentata e colla vinilica», non avrai più dubbi: stanno fabbricando «il lavoretto». 

Leggi l'articolo completo : Piccole strategie per liberarsi del «lavoretto»

 

MammadiMerda: «Altro che empowerment, noi rivendichiamo il diritto di non farcela»

Di Francesca Angeleri, Corriere.

 

 

E oggi donne, proprio oggi che è la festa della mamma: alzatevi e «inadeguatevi». Toglietevi ‘sto mantelletto da Wonder Woman (quello liso, con le macchie d’unto e di pennarello, insomma lo strofinaccio), scansate i fiorellini che (forse) vi hanno regalato e uscite a comprare Non farcela come stile di vita , il nuovo libro di MammadiMerda. Anzi no, uscite e bevetevi un bicchiere di vino con un’amica perché il libro (pubblicato da Feltrinelli) esce il 12 maggio e sarà al Salone del Libro il 19. Lo hanno scritto Sarah Malnerich e Francesca Fiore, le fondatrici e ideatrici di un blog e di un account Instagram (130mila follower) che Michela Murgia ha definito: «Una delle mie pagine femministe preferite». Dall’apertura del pre-ordine sono state prime in classifica su Ibs e Feltrinelli. A breve usciranno con un podcast tratto dalla rubrica: «Dimmi che sei una mamma di merda senza dirmi che sei una mamma di merda».

 

Leggi l'articolo completo : MammadiMerda: «Altro che empowerment, noi rivendichiamo il diritto di non farcela»

 

 

 

 

 

Ha ancora senso parlare di maternità, e di festa della mamma, oggi? Non si sono forse già spese troppe parole, troppi commenti, troppi libri? Per nulla: parlare dell’essere madri negli anni Duemila, in Italia, è ancora fondamentale, perché il dibattito pubblico sulla maternità ha fatto pochissimi passi in avanti. Anzi, in sostanza solo uno.

Si è passati dall’esaltazione della madre devota - dedita ai figli, con o senza lavoro non importa perché comunque secondario, regina della casa - alla celebrazione di due modelli, solo in apparenza migliori: quello della madre multitasking e quello della madre imperfetta. Modelli che il libro delle autrici del blog ironico Mammedimerda Francesca Fiore e Sarah Malnerich, Non farcela come stile di vita (Feltrinelli) sgretolano allegramente entrambi (qui il video del loro TedxRovigo Contro il concetto del multitasking).

 

Leggi l'articolo comlpleto : La Svolta: e chi m'ammazza? 

Ascolta l'opinione di Elisabetta Ambrosi

 

 

Le blogger di Mammadimerda e il diritto di “Non farcela”

Dal 21 al 23 maggio si tiene a Milano il WeWorld Festival, una vera e propria kermesse organizzata da WeWorld, l'Ong italiana che, da oltre 50 anni, difende i diritti di donne e bambini in 27 Paesi. Tre giorni di talk, dibattiti, performance e mostre (con accesso gratuito) per parlare di empowerment femminile. Il tema centrale di questa 11esima edizione sono gli stereotipi, soprattutto di genere, ma non solo, che costituiscono ancora il fondamento della mancata inclusione di molte donne nella vita sociale, politica, economica e culturale del nostro Paese.
E proprio degli stereotipi su donne e maternità abbiamo parlato con le due autrici di Mammadimerda, il blog satirico che prova ogni giorno, dal 2016, a intercettare i bisogni dell'universo femminile. Nell’ultimo anno, Francesca Fiore e Sarah Malnerich hanno utilizzato questo mezzo come collettore delle istanze delle donne, portando avanti campagne per il riconoscimento di misure a sostegno delle madri e contribuendo alla nascita di ben due movimenti spontanei, uno per il diritto all’istruzione, e l’altro, il Giusto Mezzo, che ha raccolto l’iniziativa Half of It, dove garantiscono idee per una ripartenza alla pari.

 

Link all'articolo: Le blogger di Mammadimerda e il diritto di “Non farcela”

 

 

 

Mamme ribelli sui social

 

Frida e Leda sono figure nate dalla fantasia narrativa, ma la realtà non si discosta poi tanto. Basta osservare i social media. Su tutti, il profilo Instagram Mammadimerda, un nome che non lascia spazio ai dubbi, o quello dell’attrice comica Brenda Lodigiani, mamma di una femmina di 4 anni e di un maschietto di 1, che nelle sue stories svela il chiaroscuro della maternità.

Link all'articolo: Se una mamma dice: «Prima io poi i figli»

 

Storie di Svolta

 

Se ti allontani da un supposto standard della maternità, vieni (neanche troppo) sottilmente additata di essere una mammadimerda. Non è allora più facile dirselo da sole e tirare dritte?
Questo il ragionamento fatto da
Francesca Fiore e Sarah Malnerich che non si ritrovano nella narrazione ufficiale delle maternità e nel 2016 aprono il loro blog dal nome, per l’appunto: “Mammadimerda”.
Dissacranti, ironiche soprattutto vere.
Ed è proprio la loro verità lo specchio in cui, per la prima volta, tantissime donne si riconoscono, visto che fino a quel momento nessuno sui media aveva mai avuto il coraggio di raccontare cosa fosse davvero l’esperienza della maternità. Dal grande successo del blog  “Mammadimerda” decidono di metterci anche la faccia sui social, il loro obiettivo rimane sempre quello di normalizzare l’imperfezione e la fallibilità per le donne, anche nella maternità. Non a caso uno dei loro slogan è proprio “Non Farcela” per raccontare le ansie e la fatica che ogni donna si trova a dover affrontare. E che le rende orgogliosamente reali.
Utilizzano l’ironia per far riflettere, spingono le donne a raggiungere una nuova consapevolezza, una forza che non credevano di avere e soprattutto fanno loro capire di non essere sole. Tra l’altro il titolo del loro primo libro è proprio: “Non sei sola”, che anticipa il secondo in uscita per Feltrinelli. Negli ultimi due anni hanno trasformato la loro presenza sui social facendosi collettrici dentro e fuori la Rete delle istanze delle donne, soprattutto le madri, le più colpite dalla pandemia.
Ma tutto questo non è un “giochino” le @mammadimerda sono due imprenditrici, creatrici e professioniste che lavorano ogni giorno per il loro progetto.

La Svolta, che si occupa dalla sua nascita di raccontare le persone e i luoghi dell’anima dove le scelte prendono una direzione, non poteva non intervistarle. Loro che hanno prestato ironia, e allegria alla campagna adv di un giornale chenon c’era, sui tram di Milano. Loro che, senza troppe cerimonie, riescono a incidere, e cambiare le cose. Anche questo è, dopo tutto, la mission de La Svolta. Celebrare chi celebra ogni giorno diritti, ambiente, futuro. @lasvolta.it

Link al video: Storie di svolta

 

Mammadimerda - TEDxRovigo

 

 

 

Sono Sarah Malnerich e Francesca Fiore, e hanno inventato il blog più dissacrante, ironico, disturbante e femminista in circolazione.
Due mamme imperfette come tante altre che hanno iniziato a raccontare la maternità in una maniera completamente nuova, lontana dall’immagine della madre perfetta e infallibile.
Nel 2016 hanno aperto un blog dall’esplicativo nome “Mammadimerda”, dove con sarcasmo descrivono la vita e i problemi che ogni maternità porta con sé. Molte donne si riconoscono in quanto raccontato, si sentono affini alle loro esperienze e sono felici di aver finalmente trovato qualcuno che dia voce alle proprie esigenze, difficoltà e frustrazioni.
Mammadimerda è prima blog, poi pagina Facebook e dal 2018 anche su Instagram dove ha già più di 120 mila follower. Oggi è una delle più importanti realtà social che si occupa di donne e maternità. Durante la pandemia hanno cominciato a fare attivismo, diventando megafono del disagio che stavano vivendo le donne, hanno riempito le piazze chiedendo fondi per la parità di genere e per la riapertura delle scuole. Continuano a supportare temi di forte impatto sociale, si sono rese megafono della loro community.
Il loro progetto è il riscatto della donna imperfetta o inadeguata, la rivincita sulla Mammabene, su quel tipo di narrazione che le ha lese per troppo tempo. Cosa fanno tutti i giorni? Diffondono inadeguatezza e leniscono i vostri sensi di colpa.

 

Link all'articolo: Mammadimerda - TEDxRovigo

Scarica il Pdf :  download

Mammadimerda al Social Media Festival.

 

 

Ha preso il via sabato scorso il Social Media Festival allo Urban Digital Center – Innovation Lab di Rovigo, realizzato nell’ambito del progetto di animazione della prima Social Media House. Un’intera giornata di incontri – laboratorio per riflettere sulle opportunità che la rete ci dà di crescere e creare comunità online.

Tre gli ospiti speciali che hanno animato e attivato i partecipanti: Enrico Galiano, professore e scrittore, che ha condiviso i suoi segreti per una comunicazione sincera e trasparente,  Sarah Malnerich e Francesca Fiore, fondatrici di @Mammadimerda, che con sarcasmo hanno raccontato il loro percorso sui social e mostrato che dalla condivisione di prospettive e difficoltà possa nascere una community in cui si mischiano spontaneamente sostegno, empatia e spensieratezza.

Link all'articolo: Laboratorio per riflettere sulle opportunità della rete

Scarica il PDF : download

 

 

Vodzilla sul Gambero Rosso

 

 

Francesca Fiore e Sarah Malnerich. Sono loro le creatrici di Mammadimerda, prima blog, poi pagina Facebook e dal 2018 anche su Instagram. “Fin dall’inizio è stato un modo per rovesciare lo stereotipo sulla maternità”, raccontano, “nella quale si tralasciava sempre un dettaglio”. O anche più di un dettaglio, un macigno aggiungiamo noi. “Era una narrazione, specie sui social, tutta gioia e organizzazione che nascondeva la fatica, la rabbia, la sensazione di inadeguatezza o di stare sempre sulla soglia del burnout. Abbiamo voluto dissacrare un po’ questa figura mitologica che è la mamma in Italia”. Il tutto condito con una buona dose di ironia e autoironia che ha conquistato più di 100mila follower, per il 96% donne che si sono riconosciute e identificate, “in molte ci scrivevano e ci scrivono tuttora di sentirsi meno sole”.

 

 Il liquore di Mammadimerda

Il motivo che ci ha spinto a intervistare Francesca e Sarah è il lancio del loro liquore che – chi le segue da un po’ lo sa bene – fa sempre parte della loro narrazione: “Le madri, per sopravvivere, devono farsi un drink a fine giornata, è la nostra scappatoia serale. Poi è una maniera per confutare quella tesi per cui se sei mamma dismetti quello che eri prima, non ti piace più uscire, non ti piace più farti un aperitivo per i fatti tuoi”. Di più: se, invece, ti va e lo dici pure, sei decisamente una Mammadimerda. “È la vera rivendicazione della Mammadimerda, adesso abbiamo pure il nostro drink, tiè!”.

Come è fatto Vodzilla

Tutti ingredienti del territorio o al massimo italiani, dal grano tenero usato per la vodka, allo zenzero lavorato fresco e spremuto, fino alla camomilla: “Le parti aromatiche vengono distillate da erbe che raccolgono in natura, che coltivano loro o che comprano da piccoli produttori locali. A questi tre ingredienti, poi, ci abbiamo aggiunto la scorza di bergamotto dalla Calabria, che dà un twist molto caratteristico”. Il liquore si chiama Vodzilla – da vodka, zenzero e camomilla – è rosa (pure il colorante utilizzato è naturale) e il logo, ideato dalla bravissima Giuditta Matteucci, non poteva che essere una dinosaura rosa: “Un po’ perché richiama Godzilla, un po’ perché è esistita veramente una dinosaura che condivideva l’accudimento delle uova con il maschio (la maiasaura), un po’ perché ci sentiamo una specie di mostra, mezza madre e mezza merda”. Come si fa a non amarle?

 

Link all'articolo: Vodzilla: il liquore del blog Mammadimerda
Scarica PDF: download

 

Premio Torinesi dell'anno

torinesi dell'anno

Le Torinesi del 2020 sono Francesca Fiore e Sarah Malnerich, ovvero le animatrici del seguitissimo blog Mammadimerda. Il duo ha, di poco (44,6%), superato l’infettivologo Giovanni Di Perri (43%). Un testa a testa supportato da una marea di voti online (ben 30.677).

Link all'articolo«Noi in politica? Ci basta fare movimento per le donne»
Scarica PDF: Corriere Torino, le Torinesi del 2020

 

Intervista su DAGOSPIA

“Diffondiamo inadeguatezza e leniamo i vostri sensi di colpa” – l’ironico progetto di Francesca Fiore e Sarah Malnerich, geniali mamme ideatrici di “mammadimerda”, il blog da 100mila follower che sfancula l’idea della mamma perfetta: “la mammadimerda accetta di sentirsi inadeguata al ruolo e rifiuta l’idea che la maternità rende le donne tutte perfette…”

Link all'articolo«Diffondiamo inadeguatezza e leniamo i vostri sensi di colpa». 
Scarica PDF: Dagospia, Mammadimerda

TEDxVicenza, L'Altro Binario

Sarah Malnerich e Francesca Fiore - aka @Mammadimerda - online raccontano una maternità fatta di felicità ma anche di difficoltà, senza sensi di colpa o giudizi. Durante e dopo il lockdown hanno avviato una campagna per sensibilizzare sulla riapertura delle scuole e sui grandi trascurati di queste fasi di riapertura, i bambini.

Link al video: Viaggio nei futuri possibili

Ospiti a FORUM

Sarah Malnerich e Francesca Fiore - aka @Mammadimerda sono ospiti di Forum con Barbara Palombelli, che conduce la nuova edizione dello storico programma che vede due contendenti affidare la soluzione del loro contrasto al giudizio di un giudice arbitro.

Link al videoForum Mercoledì 18 novembre, Canale 5

 

WIRED, 9 MUSE 2020

L’imprenditrice “multipotenziale” Veronica Benini racconta l’evento del 21 novembre, che sarà per forza di cose interamente in streaming (ma l’obiettivo resterà quello di ispirare il clic del cambiamento). Con l’augurio che il format arrivi in tv, on demand su una piattaforma tipo Netflix

Link all'articolo: “Solo quando hai qualcosa da dare, puoi davvero ricevere”
PDF da scaricare: 9Muse Online

 

Desiderare il mondo: Michela Murgia

Michela Murgia presenta "Stai zitta. E altre nove frasi che non vogliamo sentire più" (Einaudi) con la sociolinguista Vera Gheno. Al minuto 22 parla di noi!

Link al video: Desiderare il mondo

 

Il Fatto Quotidiano: Sii pinguina

Controcultura pedagogica che sfida il senso comune. Uno studio prodotto da un candidato al Phd dell’Università Bicocca analizza il dissacrante blog, ormai “fenomeno” Mammadimerda, e ne studia il potenziale.

Anzi, più che potenziale, la potenza, visto che il gioco di opporsi stoicamente alla morale “montessoriana” per ammettere – e soprattutto condividere – la propria imperfezione è non solo un successo. E’ – anche – il caso del 2020. Anno nel quale alle donne ne sono successe di tutte, e l’esser “pinguina” è diventato il leitmotiv di tante mamme disperate, ironiche o, come le definiscono loro, “inadeguate”.

Link all'articolo: Sii pinguina, Viva la Mammadimerda
PDF da scaricareControcultura pedagogica che sfida il senso comune

 

Vanity Fair: La «P» maiuscola

Nelle chat dei genitori la scuola è già iniziata. L’8 giugno ci si era salutati frettolosamente, con una gioia da ultimo giorno mai avuta neanche da studenti, dopo tre mesi di homeschooling travestito da didattica a distanza e di smartworking nei casi più fortunati. Ora, con i nuovi orari (ridotti) comunicati dagli Istituti, le notifiche di WhatsApp sono esplose. «Tutto previsto», spiega Francesca Fiore, due figlie di 10 e 7 anni alle elementari, che con Sarah Malnerich, una di 5 anni alla materna, nel 2017 ha fondato il profilo social Mammadimerda, volendo scherzare sulla maternità «santificata» nel nostro Paese. «Con il nostro stile, ironico e leggero, avevamo iniziato ad affrontare i temi del lockdown, poi ci siamo rese conto che la nostra base ci dava segnali diversi». Per capirci: Mammadimerda ha 25 mila follower su Instagram e 60 mila su Facebook, la maggior parte tra i 35 e i 44 anni e al 94% donne.

Link all'articolo: La «P» maiuscola
PDF da scaricare«Priorità alla scuola»

 

SULL'ESPRESSO

 

Fare e disfare la “buona” maternità online

Davide Cino — Università Cattolica del Sacro Cuore (Italy) — Contact: davide.cino@unicatt.it

PhD Candidate in “Education in Contemporary Society” at the University of Milan-Bicocca, ci cita sulla rivista scientifica per la tesi di Laurea. 

Link all'articoloConstructing and De-constructing the “Good” Mothering Framework Online

 

La Stampa

Flash mob stamattina in piazza Castello da parte di “Il giusto mezzo”, un gruppo di donne della società civile, attive nel mondo del lavoro in diversi settori e con competenze diversificate. Chiedono che i fondi del recovery fund siano utilizzati per i diritti delle donne e per politiche atte ad ampliare la parità di genere.

Link all'articolo: In piazza Castello un flash mob per i diritti delle donne

 

Corriere Economia

Siamo citate sulla prima pagina del Corriere Economia.

 

 

Unomattina

“MAMMADIMERDA

Rai 1 e TG1 presentano Unomattina - Lo storico contenitore della mattina di Rai1 si occupa come di consueto di attualità italiana ed estera, politica, econom ia, medicina, benessere, cronaca e della promozione del territorio. Si affronteranno quotidianamente, con ospiti in studio ed in collegamento, i temi caldi della politica, dell'attualità e della cronaca. L'angolo web consente di tenere sempre aperta , in tempo reale, una finestra su ciò che accade nel mondo. Conducono Monica Giandotti e Marco Frittella Regia di Maria Cristina Bordin

Link al video: I genitori per un nuovo calendario scolastico

 

Scuola, a Torino la protesta contro la Dad

Loro hanno bisogno di socialità, hanno bisogno di stare insieme, hanno bisogno di fare didattica in presenza ancor di più a quest'età sicuramente. Genitori, insegnanti e studenti in piazza per gridare il loro no alla didattica a distanza lo fanno al microfono, in piedi su una panchina, a mò di palco improvvisato con gli slogan disegnati sui cartoncini davanti alla sede della regione nel centro di Torino. Il flash mob è organizzato dal comitato Priorità alla Scuola, centri commerciali aperti, musei e scuole chiuse, cultura e istruzione non sono una priorità in Italia, denunciano.

Link al video: Priorità alla Scuola

 

La 27esima Ora

Oggi - lo confesso - avrei voluto finalmente parlare un po’ male di alcune donne (spoiler: non lo farò). Avrei tanto voluto parlare un po’ male delle mamme bene, quelle che dall’alto della loro perfezione emettono sentenze sulle mamme che hanno fatto scelte apparentemente più “libere” e che spesso hanno solo vite più incasinate, le mamme di merda. Entrambe le definizioni non sono mie, ma sono tratte dal libro Non sei sola. Fenomenologia della mammadimerda, scritto da Sarah Malnerich e Francesca Fiore, le due co-fondatrici dell’omonimo blog e animatrici di un ecosistema social di successo seguito da migliaia di persone.
Il libro con cui approdano su carta – spassosissimo, si legge in un paio d’ore – è una irriverente, divertente, dissacrante disamina della maternità al giorno d’oggi: dal parto alle vacanze, passando per tutte le tappe della scuola dell’obbligo, pidocchi inclusi. Un esistenzialismo basato sull’apparente dicotomia tra mamme di merda, appunto, e mamme bene. E che invece stabilisce in maniera potente un principio saldo, che dovremmo fare nostro tutte noi: non siamo sole.

Link all'articoloAvrei voluto essere un mamma perfetta
PDF da scaricareAvrei voluto essere un mamma perfetta

 

=======

Rassegna Stampa su il Giusto mezzo

 

Il Fatto Quotidiano

Il fatto quotidiano

Il 13 ottobre con l’hashtag #nonègiusto Il Giusto Mezzo ha organizzato un flashmob davanti a Palazzo Chigi, per riportare l’attenzione sulle loro richieste. “Le persone, donne e uomini, ci ascoltano. Perché quello che chiediamo è un’esigenza per tutto il Paese”

Link all'articoloMetà dei soldi del Recovery fund vada a favore delle donne

La Stampa

https://video.lastampa.it/roma/la-meta-del-recovery-fund-per-le-donne/122634/122757

Durante un flash-mob in piazza del Pantheon a Roma hanno parlato decine di donne per chiedere che metà dei fondi del Recovery Fund siano spesi in nidi, parità salariale, supporto alla maternità e alla cura, misure che rendano meno complesso per le donne lavorare.

Link all'articolo"La metà del Recovery Fund per le donne"

 

ALLEYOOP il sole 24 ore

 

ALLEYOOP il sole 24 ore

Nel giorno in cui gran parte dell’Italia riapre le scuole, le donne della società civile che durante la pandemia si sono attivate – il movimento Dateci Voce, che ha chiesto e ottenuto un riequilibrio delle task force per garantire una più equa rappresentanza femminile, MammadiMerda, Le Contemporanee, Noi Rete Donne, Gammadonna e la componente italiana di #halfofit – scrivono una lettera aperta al governo e al premier Giuseppe Conte e la offrono a tutte le organizzazioni che vorranno sottoscriverla.

Link all'articoloScuola, nidi, cura, lavoro

Repubblica

repubblica.it, recovery fund, le attiviste del giusto mezzo a Roma in piazza

"Le donne si sentono abbandonate, tutto è ricaduto sulle loro spalle sia nell'assistenza ai figli o agli anziani - racconta l'autrice del blog 'Mammadimerda' Sarah Malnerich -. L'Italia è il paese che in Europa percepirà più soldi dal Recovery Fund. È un'occasione unica, cerchiamo di essere lungimiranti negli investimenti"

Link all'articolo: Le attiviste del "Giusto mezzo" in piazza a Roma

 

CORRIERE 27Esima ora

Giustomezzo ovvero meta mela 27 ora corriere

 

Una idea nata da un gruppo di donne della società civile – già attive durante la pandemia - per porre un tema di metodo, oltre che di merito, su come saranno spesi questi fondi europei e rivendicare “la metà della mela” come suggerisce anche il logo della iniziativa. Tra i movimenti promotori: #DateciVoce, GammaDonna, European Women Alliance, Le Contemporanee, MammadiMerda, Prime Donne.

Link all'articolo#GiustoMezzo, ovvero la metà della mela

 

Campagna #NONCISIAMO

campagna noicisiamo

Durante il CV (qui il video manifesto)

 

 

Uscire su Vanity Fair Italia è uno di quei traguardi da segnare sul calendario, lo abbiamo letto avidamente per anni ed...

Pubblicato da Mammadimerda su Sabato 12 settembre 2020

AGI

La campagna #NONCISIAMO su Agi

 

Le due mamme che lottano per far inserire i bambini nella "Fase 2". Sarah e Francesca, a colpi di #noncisiamo, stanno mettendo al centro dell'agenda governativa un tema molto importante per tanti italiani. Fondatrici del dissacrante blog “mammadimerda” adesso guidano la rivolta dei genitori.

Link all'articolocampagna social #Noncisiamo

 

CORRIERE SELLA SERA

La campagna Mammadimerda #NONCISIAMO

 

#noncisiamo è l’hashtag della campagna social lanciata dal gruppo Mammadimerda, il blog da 52 mila follower che tratta la maternità con toni ironici, che ha l’obiettivo di far arrivare al governo le domande urgenti delle madri, invitandole a farsi una foto con il cartello «Chi pensa ai bambini» e taggare le ministre all’Istruzione Lucia Azzolina e alle Pari Opportunità Elena Bonetti.

Link all'articolo«Non ci siamo»

La Stampa

La campagna Mammadimerda #NONCISIAMO

 

Francesca Fiore e Sarah Malnerich, due mamme torinesi, lanciano la campagna social #noncisiamo #chipensaaibambini attraverso il blog https://www.facebook.com/mammadimerd/(con 52 mila follower) non risparmiando aspre critiche al governo e inoltrando al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e alle Lucia Azzolina Elena Bonetti

Link all'articolo“Chi penserà ai bambini?”

  

L'aria che tira - LA7 

La conduttrice televisiva celebra la nostra presenza auto-definendosi una MdM!

 

 

 

Altri articoli e portali che parlano di noi:

x