La Befana: un resoconto

La Befana ci ha portato tanti dolci e zero carbone perché per comprare il carbone devi stare sul pezzo ed essere iperorganizzato, e se per ipotesi la befana difettasse di queste caratteristiche e si fosse recata il 5 sera al supermercato dove del pregiato elemento era rimasto solo il prezzo sullo scaffale vuoto? Queste sono solo congetture ma potrebbe essere andata così.
Poi, colta da raptus e convinta dallo sconto del 50%, potrebbe aver agguantato nel medesimo supermercato due gatti parlanti miao qualcosa (uguali, per carità!) che creeranno un simpatico effetto cacofonia che farà da soave sfondo per l’intera giornata (due gatti parlanti + due erinni urlanti = martellamento di timpani x4).
Ma ecco che, verso sera, scopriamo che c’è ancora un ultimo dono a sorpresa, un bel pezzo di carbone per i genitori: la febbre di erinni#2!
Domani quindi richiudono le gabbie, pardon, riaprono le scuole, ma io non ne gioverò.
Questo giorno tanto atteso, perché è importante forgiare le menti dei cittadini del domani, per me non significherà nulla.
Godetene appieno, voi che potete.
Io quest’anno mi appresto a viverlo con lo stato d’animo delle maestre!

Lascia un commento